Chi?

Saturday, July 04, 2009

Un'amica è per sempre


Hello Rachele,

tutto bene? Come te la passi ultimamente? Vero che avrei potuto mandarti un'e-mail o un sms o una cartolina o un saluto tramite amici comuni, ma tu brava che dopo soli 36 mesi sei riuscita a digitare il mio cognome correttamente e trovarmi su Facebook! Sí hai ragione, potremmo vederci una delle prossime sere. Accordiamoci sul significato di "prossime". Mi ricordo ancora l'ultima volta che ci siamo incontrati, quando mi hai strattonato fuori dal Corbeau, cacciato tutte le amiche a borsettate, poi tentato di ubriacarmi al Goupil le Fol e di stuprarmi in camera tua con lo champagne in mano. Bei ricordi, eh. Specie quando è rientrata a sorpresa la tua coinquilina, cosí ho potuto sgattaiolare fuori anziché gettarmi dalla finestra. Avevo già preso le misure. A proposito, come sta la tua coinquilina? L'ho incontrata almeno un paio di volte a delle feste in città, ma il caso non ci ha permesso di salutarci a dovere. Ogni volta che incrociavo il suo sguardo era infatti impegnata a scrutare l'orizzonte prospettico o le mattonelle del pavimento. Strano non si ricordasse di me nonostante avessimo passato una serata gomito a gomito qualche tempo prima. Era il mio compleanno. Lei non era invitata.
A proposito, ho rivisto un paio di amiche tue. Gemma, per esempio, quando sono andato al suo matrimonio e tu non c'eri. Ti aveva prepagato la camera in albergo e prenotato il taxi all'aeroporto e organizzato la serata con gli amici, sai come sono le siciliane. Hai ancora il suo numero di telefono? Ecco, cancellalo. Sai come sono le siciliane. E Petruska, che eravate culo e camicia? Ti posso assicurare che non era una spia russa come hai dichiarato pubblicamente dopo che mi aveva limonato. Le chiedevo appunto di te ma non siamo riusciti a finire la conversazione perché porella le venivano certi conati.
E Jenna l'australiana? Quella che ti portava a tutte le feste perché col fisico da surfista collezionava inviti. Sembra sia fuggita da Bruxelles. Io l'ho cercata la galleria che dicevi tappezzata delle sue foto pornografiche ma all'indirizzo che hai ampiamente disseminato c'era solo un antiquario.
A proposito, abiti ancora nella stessa via? Fica quella casa, cosí centrale, con la finestra a cui ti appostavi per vedermi entrare allo You le sere in cui il telefono non mi prendeva proprio. A proposito, hai cambiato numero? Era l'unico che mi faceva squillare il cellulare regolarmente attorno alle tre di notte. Però facevi bene, gli stalker sono una cosa seria e occorre parlarne. Io per esempio ne ho informato la polizia, sai un congolese culturista tatuato e aggressivo bisogna tenerlo a freno. Certo che la tua coinquilina poteva dirmelo prima che questo entrava e usciva dal tuo letto.
Che ne dici di una birretta tra 36 mesi?

tuo Belguglielmo

1 comment:

cristinamarconi.com said...

velenoso e cosi' vero